Come calcolare la pensione

Come calcolare la pensione è una delle domande più frequenti per chi si appresta a lasciare la carriera lavorativa. Ipotizzare la cifra non è affatto semplice se si considera che la situazione varia da lavoratore a lavoratore.

Inoltre influisce il fatto che più volte siano cambiate le norme che regolano l’ accesso alla pensione. Per esempio nel 1995, a seguito della riforma Dini, si è passati dal sistema di calcolo retributivo a quello contributivo. Più di recente la riforma Fornero del 2012 ha cambiato molti elementi.

Grazie alla nostra consulenza, è possibile conoscere in modo esatto, il momento in cui si andrà in pensione e quanto potrà ammontare. Compreso nel calcolo verrà mostrato il gap previdenziale, cioè quanto effettivamente mancherà al soggetto per mantenere lo stesso tenore di vita.

Come calcolare la pensione

Ad oggi si applicano due sistemi in merito a come calcolare pensione: quello misto, ossia per una parte con il retributivo e per l’altra con il contributivo, e quello interamente contributivo.

È bene ricordare, infatti, che la riforma Dini del 1995 ha sostituto il sistema retributivo per il calcolo della pensione, dove perlopiù si tiene conto della misura degli stipendi percepiti dal lavoratore, con quello contributivo dove si considera esclusivamente il montante contributivo dell’interessato.

Con il passaggio dall’uno all’altro sistema per coloro che hanno contributi accreditati sia prima che dopo il 1° gennaio 1996 si applica il sistema misto. Questo, a sua volta, si suddivide in due varianti:

  • per coloro che alla data del 31 dicembre 1995 hanno maturato meno di 18 anni di contributi si applica il sistema retributivo per la quota antecedente a questa data e quello contributivo per i contributi accreditati successivamente;
  • per coloro che alla data del 31 dicembre 1995 hanno maturato almeno 18 anni di contributi il sistema retributivo si applica per la quota antecedente al 1° gennaio 2012, e il contributivo per quella successiva.

Ovviamente, per chi invece non ha contributi accreditati prima del 1° gennaio 1996, si applica interamente il sistema contributivo per il calcolo della pensione; con il passare degli anni, quindi, ci sarà il totale passaggio al sistema contributivo.

Per capire come calcolare la pensione, è necessario capire come funzionano questi due metodi e quali sono le regole che si applicano per ciascuno di questi.

Come calcolare la pensione: sistema retributivo

Per calcolare la pensione con il sistema retributivo si tiene conto delle retribuzioni percepite dal lavoratore nell’arco della propria carriera.

Nel dettaglio, si prende il reddito medio percepito negli ultimi anni di lavoro – 10 anni nel caso dei lavoratori dipendenti – che si definisce come reddito pensionabile, e si moltiplica per l’anzianità contributiva, ossia per gli anni in cui sono stati versati i contributi, e per un’aliquota di rendimento.

Quest’ultimo è il parametro, espresso in percentuale, utilizzato per trasformare la retribuzione annua pensionabile nell’importo dell’assegno previdenziale.

Come calcolare la pensione: sistema contributivo

Il precedente sistema era particolarmente vantaggioso per il lavoratore, specialmente per chi durante gli ultimi anni di lavoro ha percepito retribuzioni molto elevate. Per questo motivo si stava mettendo a rischio al sostenibilità del sistema, specialmente per l’invecchiamento della popolazione e per la crisi del mercato del lavoro.

Per questo motivo la riforma Dini del 1995 ha decretato il passaggio dal sistema retributivo al contributivo, nel quale invece si tiene conto del solo montante contributivo del lavoratore.

Questo si calcola moltiplicando la retribuzione pensionabile annua per l’aliquota di computo, cioè la percentuale di retribuzione pensionabile che viene accantonata come contribuzione ai fini previdenziali.

Il risultato, a sua volta, si moltiplica per il tasso di rendimento, ossia un tasso di rivalutazione annuo dei contributi versati.

Il risultato di questo calcolo, ossia il montante contributivo, a sua volta viene moltiplicato per un coefficiente di trasformazione così da trasformarlo nell’importo della pensione.

Desideri ricevere maggiori informazioni in merito a come calcolare la pensione? Contatta un consulente personale

NOME E COGNOME*

EMAIL*
TELEFONO*

CODICE FISCALE*

REGIONE*

A quali servizi sei interessato?

Servizi per le aziendeServizi per le famiglie

RAGIONE SOCIALE*

PARTITA IVA*

N° DI DIPENDENTI*
CLASSE DI FATTURATO*

AREA DI ATTIVITA'*

COME POSSIAMO AIUTARTI?*
MESSAGGIO*

Autorizzo al trattamento dei dati personali (ex D.lgs 196/03) e Regolamento Europeo 2016/679 (GDPR 2016/679). Visualizza l'informativa completa

2019-01-06T17:01:27+00:00