Si torna a parlare ancora una volta di polizze dormienti. Qualche giorno fa l’Ivass, l’Istituto di vigilanza sulle assicurazioni ha comunicato i numeri precisi, confermando le stime fatte lo scorso giugno dal presidente Stefano Rossi. Stiamo parlando di ben 187.493 prodotti dormienti registrate tra la fine del 2017 e il 2018.

Si tratta di cifre importanti, secondo quanto riportato di recente anche in un articolo pubblicato sul sito de La Repubblica, che avrebbero costruito risorse alte e inaspettate, pari a 3 miliardi e 365 milioni di euro.

Questa indagine aveva preso in esame tutte quelle assicurazioni con scadenza nel periodo compreso tra il 2012 e il 2016 ma, viste le utili informazioni rilevate, sarà presto estesa anche agli anni che vanno dal 2001 al 2006 e al 2017.

L’obiettivo primario di questa scelta da parte dell’Istituto è quello di far emergere altri contratti dimenticati a vantaggio dei beneficiari inconsapevoli che così potranno riscuotere le somme di denaro che gli spettano.

Polizze dormienti: la nuova verifica di IVASS

Qualche tempo fa l’IVASS aveva chiesto in modo ufficiale alle compagnie l’aggiornamento degli elenchi di tutte le polizze che sarebbero potute essere dormienti, sulla base di vari elementi individuati, in modo da avere la possibilità concreta di incrociare queste informazioni con quelle fornite dell’Agenzia delle Entrate attraverso l’Anagrafe Tributaria.

Seguendo questa strada quindi l’IVASS sarebbe arrivata a determinare il reale decesso o meno dell’intestatario di una specificata copertura assicurativa e di conseguenza verificare se la liquidazione della polizza fosse andata a buon fine oppure no.

L’impegno dell’IVASS non si ferma: entro maggio 2019 tutte le compagnie assicurative contattate avranno l’obbligo di fornire feedback rispetto l’attività di controllo e liquidazione delle polizze.

Intanto una delle principali raccomandazioni dell’IVASS è verificare, qualora fosse deceduto un familiare, se era stata sottoscritta un’assicurazione vita.

Procedere è piuttosto semplice, sarà sufficiente accedere al servizio di ricerca di coperture online dell’Ania inviando specifico modulo di richiesta oppure rivolgersi direttamente all’intermediario assicurativo del familiare.

Desideri ricevere maggiori informazioni sulla previdenza integrativa o una consulenza dettagliata e gratuita? Contatta un consulente personale

Compila il form sottostante per avere un’analisi personalizzata e gratuita della tua situazione assicurativa, previdenziale, sanitaria e patrimoniale.

    NOME E COGNOME*

    EMAIL*
    TELEFONO*

    CODICE FISCALE*

    REGIONE*

    A quali servizi sei interessato?

    Servizi per le aziendeServizi per le famiglie

    RAGIONE SOCIALE*

    PARTITA IVA*

    N° DI DIPENDENTI*
    CLASSE DI FATTURATO*

    AREA DI ATTIVITA'*

    COME POSSIAMO AIUTARTI?*
    MESSAGGIO*

    Autorizzo al trattamento dei dati personali (ex D.lgs 196/03) e Regolamento Europeo 2016/679 (GDPR 2016/679). Visualizza l'informativa completa